Carenza di ferro

Che ruolo ha la carenza di ferro?

La carenza di ferro è la malattia da carenza più comune negli esseri umani in tutto il mondo. Il corpo umano non riesce a produrre ferro, che deve quindi essere fornito tramite il cibo. Le cause della carenza di ferro possono essere svariate: la malnutrizione e l’aumento della perdita di sangue durante le mestruazioni sono le più comuni. In Europa, circa il 15% delle donne tra i 15 e i 45 anni soffre di carenza di ferro e circa il 3% di anemia cronica da carenza di ferro.

In quanto oligoelemento essenziale, il ferro è coinvolto in molti processi vitali del corpo umano, specialmente nella produzione del sangue (emopoiesi). Tuttavia, la sua importanza va ben oltre: gioca infatti un ruolo centrale e vitale in molti processi metabolici.

Perché il ferro è così importante, soprattutto per le donne?

Durante ogni mestruazione, si perdono in media circa 50 ml di sangue, quindi circa 25 mg di ferro. Se questa perdita non è controbilanciata dall'assunzione giornaliera di ferro, ciò può causare una insufficienza nelle riserve di questo minerale.

Se fai spesso esercizio fisico (che è una abitudine positiva!), questo aumenta anche il tuo fabbisogno di ferro, poiché più ferro del solito viene espulso tramite sudore e urine. L’incremento nella produzione di energia e nel trasporto di ossigeno porta a una crescita parallela del consumo di ferro. Se segui una dieta povera di carne o vegana, il rischio di carenza di ferro aumenta ulteriormente. In più, alcuni alimenti, come il caffè, i latticini o la farina di grano, inibiscono l'assorbimento naturale del ferro da parte dell’organismo.

Questa carenza di ferro può diventare ancora più marcata durante la gravidanza. Il fabbisogno di ferro di una donna incinta aumenta significativamente per contribuire allo sviluppo del bambino.

Come si nota la carenza di ferro?

Poiché i primi sintomi non sono molto specifici, nella vita quotidiana la carenza di ferro viene spesso rilevata solo nella sua forma clinica: la cosiddetta anemia da carenza di ferro (o semplicemente anemia). Molte persone convivono con la carenza di ferro senza nemmeno saperlo. Tuttavia, prevenire questa carenza nella sua fase iniziale può essere efficace. I sintomi tipici della carenza di ferro sono

  • Stancarsi facilmente
  • Frequente mancanza di energia e di concentrazione
  • Mal di testa
  • Calo delle prestazioni atletiche
  • Unghie fragili
  • Perdita di capelli

Come posso prevenire l’insorgere e il ritorno ciclico della carenza di ferro?

Se pensi di soffrire di carenza di ferro, il primo e più importante passo è consultare il tuo medico di base, che ti prescriverà gli appropriati esami del sangue. Se necessario, il medico determinerà la causa della carenza e ti consiglierà una terapia adeguata. Gli obiettivi della terapia dovrebbero sempre includere non solo il miglioramento dei valori di laboratorio, ma anche la scomparsa dei sintomi.

Per evitare l’insorgere della carenza di ferro, è particolarmente importante seguire una dieta consapevole e mirata. Per esempio, un bicchiere di succo d'arancia contiene vitamina C e può contribuire a fornire più facilmente al corpo del ferro non emico di origine vegetale. Alcune sostanze vegetali secondarie, come i fitati (cereali integrali, legumi) e i polifenoli (tè, caffè), invece, inibiscono l’assorbimento del ferro da parte dell’intestino, che viene quindi eliminato dal corpo. Se la carenza di ferro è causata dalla dieta, si possono reintegrare le riserve esaurite dell’organismo con l'aiuto di integratori alimentari. In questo caso, è necessario avere pazienza, poiché occorrono dai tre ai sei mesi per ripristinare l’equilibrio delle riserve. Va notato che solo circa il 10-15% del ferro fornito per via orale viene assorbito dall’organismo, o un massimo di 3-5 mg al giorno.

Daysy 2.0 - il tuo monitor di fertilià personale
299.00 EUR

incluse IVA e Spedizione - Prodotto disponibile - Tempi di consegna: 2-3 giorni*

Daysy calcola la tua finestra fertile: il tuo stato di fertilità verrà visualizzato o in rosso (che significa che sei ...