La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)

La sindrome dell'ovaio policistico, o PCOS (polycystic ovary syndrome), è il disturbo ormonale più comune fra donne e ragazze, che ne soffrono in numeri sempre maggiori. Gli esperti ritengono che dal 10% al 20% di tutte le donne in età fertile conviva con la PCOS 1,2,3. Le cause sono in parte congenite ed ereditarie, ma molti esperti ritengono che anche fattori ambientali e lo stile di vita esercitino influenza sulla PCOS – i rapporti esatti sono ancora in fase di ricerca. La PCOS può influenzare gravemente la fertilità e il benessere generale, ma fortunatamente è curabile.

Credi di avere la PCOS? Vai dal tuo medico.

La maggior parte delle donne si vede diagnosticare la sindrome dell’ovaio policistico tra i 20 e i 40 anni. Vanno dal medico di famiglia o dal ginecologo a causa di alcuni, o anche tutti, i seguenti sintomi:

  • Cicli irregolari o molto lunghi (35 giorni o più)
  • Incapacità di avere figli dovuta a ovulazioni assenti o irregolari
  • Problemi di pelle, inclusa l’acne grave
  • Macchie scure sulla pelle, per esempio su collo o ascelle
  • Virilizzazione: il fisico diventa più mascolino, la voce più profonda
  • Irsutismo: aumento dei peli su viso e corpo, cioè più peli sul mento, sull’addome o sulla schiena
  • Perdita di capelli, stempiatura
  • Disturbi psicologici, sintomi depressivi. 

Ognuno di questi sintomi può avere altre cause oltre alla PCOS. Pertanto, oltre a un’anamnesi dettagliata e all’esame della pelle e dei capelli, la diagnosi dovrebbe includere un’ecografia di entrambe le ovaie e un’analisi del sangue. L’emocromo dovrebbe includere vari livelli ormonali, così come la glicemia e i lipidi. Questo perché la PCOS è spesso associata alla resistenza all’insulina e/o a livelli elevati di colesterolo, che richiedono un trattamento. 

Come suggerisce il nome stesso, le ovaie possono presentarsi allargate e con numerose piccole cisti, visibili nell’immagine ecografica. La formazione di cisti avviene in circa il 70% delle donne colpite da PCOS. Il medico determinerà anche la concentrazione nel sangue di androgeni, cioè ormoni sessuali maschili. Questo perché anche il testosterone e simili giocano un ruolo importante nel benessere e nella fertilità femminile. L’ovulazione si verifica ripetutamente, oppure non avviene del tutto – è il caso nel 60% di donne affette da PCOS 4. La PCOS viene di solito diagnosticata quando si possono escludere altre cause dei sintomi (per esempio una malattia tiroidea) ed entrambi i seguenti criteri sono soddisfatti:

  • Anovulazione o oligovulazione (cioè ovulazione assente o poco frequente)
  • Virilizzazione (il fisico diventa più mascolino, la voce più profonda)
  • Ovaie policistiche2,3

Approcci terapeutici: mangiare più sano, farmaci mirati

Due terzi di tutte le pazienti con PCOS sono in sovrappeso. Non si hanno prove definitive su cosa fosse presente per primo – i cambiamenti metabolici che promuovono l’obesità o la PCOS stessa. Tuttavia, un cambiamento nella dieta e più esercizio fisico possono aiutare a migliorare tutti i sintomi contemporaneamente 4. Evitare i cibi pronti e gli zuccheri raffinati, includere molta frutta e verdura nella dieta, camminare regolarmente, andare in bicicletta, ballare, ecc., possono avere un effetto positivo sui livelli di glucosio nel sangue, così come sul ciclo mestruale, sui lipidi presenti nel sangue, sulla condizione della pelle e sul benessere mentale. In caso di resistenza all’insulina, il trattamento con farmaci come la metformina è anche un’opzione per prevenire lo sviluppo del diabete mellito 3.

Quando usare Daysy nonostante la PCOS

Molte donne con PCOS che ovulano usano Daysy per monitorare il successo dei cambiamenti dello stile di vita o delle terapie farmacologiche. Daysy può aiutarti a visualizzare e tracciare i tuoi cicli tramite la tua temperatura corporea basale misurata quotidianamente. Ti mostra se hai ovulato e quanto è durato il tuo ciclo in totale. Queste informazioni sono utili non solo per te, ma anche per il tuo ginecologo. Anche con la PCOS, Daysy distingue in modo affidabile tra giorni fertili e infertili il 99,4% delle volte. Tuttavia, in cicli senza ovulazione, vedrai un numero significativamente maggiore di giorni rossi e gialli (rispettivamente “possibilmente fertile” e “incerto”). Nei cicli con ovulazione, Daysy passerà al verde (“infertile”) dopo che l’ovulazione è stata rilevata.

Anche durante il trattamento con Clomifene, puoi usare Daysy per vedere l’effetto che questa terapia sta avendo su di te. Se non ovuli o stai attualmente assumendo un contraccettivo ormonale, puoi cominciare a usare Daysy quando l’ovulazione ritorna o quando interrompi l’assunzione di contraccettivi.

Daysy 2.0 - il tuo monitor di fertilià personale
299.00 EUR

incluse IVA e Spedizione - Prodotto disponibile - Tempi di consegna: 2-3 giorni*

Daysy calcola la tua finestra fertile: il tuo stato di fertilità verrà visualizzato o in rosso (che significa che sei ...

1) https://www.awmf.org/leitlinien/detail/anmeldung/1/ll/089-004.html

2) https://www.kup.at/kup/pdf/12148.pdf

3) https://www.rosenfluh.ch/media/gynaekologie/2019/02/Das-polyzystische-Ovarsyndrom-PCOS.pdf

4) PCOS_Evidence-Based-Guidelines_20181009.pdf